50

Da Demopædia.


Questa pagina è un brano della prima edizione del dizionario demografico multilingue.
Sopprimere prego questo avvertimento se lo modificate.
Introduzione | Prefazione | Indice
Capitolo | Generalità indice 1 | Elaborazione delle statistiche demografiche indice 2 | Stato della popolazione indice 3 | Mortalità e morbosità indice 4 | Nuzialità indice 5 | Fecondità e fertilità indice 6 | Movimento generale della popolazione e riproduttività indice 7 | Migrazioni indice 8 | Demografia e problemi economico-sociali indice 9
Sezione | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 20 | 21 | 22 | 23 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 40 | 41 | 42 | 43 | 50 | 51 | 52 | 60 | 61 | 62 | 63 | 70 | 71 | 72 | 80 | 81 | 90 | 91 | 92 | 93

Nuzialità

50

501

Lo studio della nuzialità 1 si occupa dell’analisi quantitativa del fenomeno dei matrimoni 2, unioni 3 fra persone di sesso diverso, regolate dalla legge o dal costume, da cui derivano particolari diritti e doveri per i contraenti e la loro prole. Si parla di matrimonio 4, oltre che di nozze 4 (pl.), anche per designare la cerimonia con cui, in forme previste dalla legge o dal costume, dette unioni vengono sancite. Le persone che contraggono il vincolo matrimoniale sono chiamate sposi 5, o coniugi 5: rispettivamente, secondo il sesso, trattasi dello sposo 6, o marito 6, e della sposa 7, o moglie 7. Congiuntamente, essi formano una coppia coniugale 8.

  • 2. matrimonio, s.m. — matrimoniale, agg.
    Nello stesso senso si usano pure connubio (s.m.), unione legittima, o unione regolare, ecc.
    Nella terminologia giuridica corrente la voce letto (s.m.) prende il significato di matrimonio in espressioni come figli di primo letto.
  • 4. nozze, (s.f. pl.) è usato solo al plurale. — nuziale, agg.
  • 5. sposi, s.m. pl. — sposarsi, v.r., e anche, detto dell’uomo, ammogliarsi (v.r.), e della donna, maritarsi (v.r.).
    coniuge, s.m. — coniugale (agg.): si dice indifferentemente dell’uno come dell’altro soggetto del matrimonio.

502

Le legislazioni matrimoniali 1, ed i costumi matrimoniali 2, o usanze matrimoniali 2, presentano una grande varietà da Paese a Paese. Una popolazione, o società, è detta monogama 3 quando un suo membro non può esser coniugato (515-5) simultaneamente con più di una sola persona dell’altro sesso, il coniuge (501-5). In caso diverso la popolazione è detta poligama 4: e si distingue fra popolazioni poliandre 5 e popolazioni poligine 6, se la poligamia (502-4*) è limitata, rispettivamente, alla sola donna, che potrà avere contemporaneamente più mariti, od al solo uomo, che potrà avere più mogli.

  • 3. monogamo, agg. — monogamia, s.f. — monogamico, agg.: relativo alla monogamia.
  • 4. poligamo, agg. — poligamia, s.f. — poligamico, agg.: relativo alla poligamia.
    Il termine poligamia viene frequentemente usato nel senso di poliginia.
  • 5. poliandro, agg. — poliandria, s.f. — poliandrico, agg.: relativo alla poliandria.
  • 6. poligino, agg. — poliginia, s.f. — poliginico, agg.: relativo alla poliginia.

503

In alcuni Paesi è riconosciuto efficace agli effetti della legge il solo matrimonio civile 1 contratto secondo le forme previste dalla legge dello Stato e alla presenza di testimoni e di un ufficiale di stato civile (211-1*). In altri, si riconosce efficacia giuridica anche al matrimonio religioso 2, celebrato nelle forme previste da una specifica confessione religiosa (341-2), salvo, eventualmente, l’adempimento di alcune formalità amministrative. In diverse società, accanto a queste unioni legittime (501-2*), formalmente sanzionate dalla legge, sussistono varie forme di unioni libere 3, più o meno stabili, e non solennizzate dalla cerimonia o forma particolare stabilite dalla legge. Queste unioni sono più o meno diffuse, o accettate, a seconda degli usi sociali e degli ordinamenti giuridici vigenti in un dato Paese, e vengono anche variamente qualificate: come unioni consensuali 3, forme di unioni stabili praticamente accettate dalla società, o come unioni illegittime 3, quando forme del genere presentano piuttosto carattere di eccezione alla regola, od in altri modi vari, che sottolineano, sul piano legale o religioso, una situazione anomala, come quando si parla di concubinato 3, di coabitazione 3, o di unione irregolare 3. Due individui di sesso diverso che convivono, in forma legittima o meno, costituiscono, tecnicamente, una coppia 4.

  • 3. concubinato, s.m.: stato di unione illegittimaconcubino (s.m.) e concubina (s.f.): persona in stato di concubinato — concubinario, agg.
    coabitazione, s.f. — coabitante, s. e agg.
    La parola coabitazione (cfr. 512-3), di per sè, si riferisce solo al vivere nella stessa abitazione, non necessariamente pertanto, al vivere maritalmente, cioè al vivere come coniugi di fatto. Nello stesso senso si usa anche convivere (110-5*).

504

In molti Paesi la legge fissa una età minima al matrimonio 1, al disotto della quale è vietato contrarre matrimonio (501-2). Detta età può essere diversa pei due sessi, e varia a seconda dei Paesi. Altri divieti alla contrazione del vincolo matrimoniale vengono spesso stabiliti dalla legge. Così avviene, in particolare, a riguardo dei matrimoni fra consanguinei 2, volendosi escludere la contrazione del vincolo tra persone legate fra loro da un certo grado di consanguineità 3.

  • 1. Secondo la legge italiana, l’età minima al matrimonio è di 16 anni per i maschi e di 14 per le femmine, salvo dispensa, per casi eccezionali, che ammette al matrimonio l’uomo che abbia superato il 14.mo compleanno e la donna che abbia superato il 12.mo.
    L’espressione età matrimoniale serve ai demografi per indicare età atte al matrimonio, secondo il criterio fisiologico, o legale, o religioso.

505

In alcuni Paesi vige la norma per cui la celebrazione delle nozze deve essere preceduta dalle pubblicazioni di matrimonio 1, intese a dar pubblicità alle nozze progettate, in modo che coloro cui interessi possano fare opposizione. Talvolta è richiesta anche una preventiva autorizzazione al matrimonio 2, o licenza di matrimonio 2, perchè le nozze possano celebrarsi. A conclusione della cerimonia, spesso viene rilasciato un certificato di matrimonio 3 ai nuovi sposi 4, o sposi novelli 4 (cfr. 501-5). La consumazione del matrimonio 5 avviene — e allora si dice che il matrimonio è stato consumato 5 — con l’unione carnale degli sposi.

  • 3. In Italia, le rilevazioni statistiche sulle caratteristiche dei matrimoni avvengono a mezzo di una scheda di matrimonio, compilata alla registrazione del-Vatto di matrimonio (cfr. 211) nel registro dei matrimoni (211-4).
  • 4. Prima delle nozze i futuri sposi sono detti fidanzati, a seguito di un fidanzamento, o scambio di promessa di matrimonio, fra i due, fatto con maggiore o minore solennità.

506

Si ha endogamia 1 in senso stretto quando gli sposi (501-5) debbono ambedue appartenere ad uno stesso gruppo (classe, stirpe, tribù, ecc.), ma il termine viene usato anche quando si osserva solo una accentuata tendenza, da parte dei contraenti matrimonio (501-2), ad appartenere ad uno stesso gruppo, generalmente di dimensioni limitate e ben individuato. Un gruppo di questo genere riceve la qualifica di isolato 2, ed i confini che lo circoscrivono possono essere di varia natura, geografici, politici, etnici, sociali, religiosi, ecc. La norma o tendenza opposte danno origine, invece, all’esogamia 3. Si chiamano matrimoni misti 4 quelli in cui i contraenti differiscono fra loro per un carattere importante, come la razza, il gruppo etnico (333-2), la religione, la nazionalità e via dicendo. Nel caso di matrimoni fra persone presentanti certe caratteristiche comuni, per esempio sociali, o fisiche, o mentali, si parla di omogamia 5, e nel caso opposto, di eterogamia 6.

  • 1. endogamia, s.f. — endogamo, agg. — endogamico, agg.: relativo all’endogamia.
  • 3. esogamia, s.f. — esogamo, agg. — esogamico, agg.: relativo all’esogamia.
  • 5. omogamia, s.f. — omogamo, agg. — omogamico, agg.: relativo all’omo-gamia.
    Per misurare la tendenza di certe combinazioni di caratteristiche dei contraenti matrimonio a presentarsi più spesso di quanto avverrebbe per puro caso, si possono impiegare gli indici di attrazione del Benini.
  • 6. eterogamia, s.f. — eterogamo, agg. — eterogamico, agg.: relativo all’eterogamia.
    Gli indici di repulsione del Benini valgono, in questo caso, per misurare la tendenza di certe combinazioni di caratteristiche ad escludersi (cfr. nota precedente).

* * *

Introduzione | Prefazione | Indice
Capitolo | Generalità indice 1 | Elaborazione delle statistiche demografiche indice 2 | Stato della popolazione indice 3 | Mortalità e morbosità indice 4 | Nuzialità indice 5 | Fecondità e fertilità indice 6 | Movimento generale della popolazione e riproduttività indice 7 | Migrazioni indice 8 | Demografia e problemi economico-sociali indice 9
Sezione | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 20 | 21 | 22 | 23 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 40 | 41 | 42 | 43 | 50 | 51 | 52 | 60 | 61 | 62 | 63 | 70 | 71 | 72 | 80 | 81 | 90 | 91 | 92 | 93